in , ,

La nuova tecnologia di realtà aumentata potrebbe essere la chiave per recuperare e conservare gli antichi artefatti.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Da un sarcofago egizio antico ai Bronzi di Benin nigeriani, migliaia di opere d’arte saccheggiate stanno finalmente ritornando a casa a seguito dell’aumento della pressione sui musei occidentali per riportare indietro gli artefatti precedentemente rubati o “donati” durante il periodo coloniale.

In un pezzo per The New York Times, il giornalista culturale Graham Bowley ha scoperto che i critici americani avevano sostenuto che il ritorno degli artefatti significava che le collezioni dei musei “costruite nel tempo dagli studiosi e impregnate di un senso di contesto stavano venendo svuotate in modo casuale”.

E in tal modo, il pubblico americano veniva privato dell’accesso agli oggetti iconici che loro suggerivano “non appartengono alle singole nazioni, ma all’umanità”. In Gran Bretagna, coloro che si oppongono anche al piano di restituzione ritengono che tenere gli artefatti in ambienti relativamente ben protetti riduca il rischio di furto o distruzione.

Embed from Getty Images

Entrambi questi argomenti sono stati respinti per il loro “sapore di privilegio occidentale”, come riportato da The Guardian, ma la domanda rimane: come dovrebbero i musei ripristinare l’equilibrio?

Pubblicità

Craig Stevens, 28 anni, è uno studente di dottorato alla Northwestern University e ricercatore del progetto Heritage and Archaeology Back-to-Africa in Liberia. Il progetto, come dichiarato sul suo sito web, lavora in collaborazione con ricercatori statunitensi e partner liberiani per “trovare modi produttivi attraverso i quali pluralizzare le concezioni della Diaspora Nera / Africana e considerare processi più ampi di creazione di libertà nel mondo Atlantico”.

Nel 2018, Stevens ha iniziato ad incorporare la fotogrammetria 3D nella sua pratica. Con accesso al più grande deposito di letteratura africana al mondo, trovato nella biblioteca Herskovits, e data la sua attività al National Museum of Liberia, Stevens si sforza di contrastare il deterioramento del patrimonio culturale utilizzando la tecnologia che consente alle persone di vivere esperienze immersive con paesaggi e oggetti antichi.

Embed from Getty Images

Parlando con SCREENSHOT, il ricercatore ha spiegato che il suo ruolo di archeologo è triplice: “In un certo senso, sono un tecnologo che cerca modi per rendere l’argomento più rilevante per il pubblico e più interessante per le comunità da cui provengono. Ogni oggetto è come un progetto diverso.”

Negli ultimi anni, Stevens e il suo team hanno scavato oggetti negli Stati Uniti, dalle isole di Providence alla Liberia, luogo di primo arrivo per gli americani neri quando sono arrivati negli Stati Uniti nel 1822, per cercare di promuovere una narrazione diversa rispetto alla rappresentazione standard della loro sepoltura. Ciò gli consente di trovare modi per digitalizzare gli artefatti e sperare di dare lunga vita alle scoperte.

Pubblicità

“Non puoi toccarli o vederli a causa della loro fragilità e inestimabilità, quindi l’uso di queste tecnologie consente alle persone di interagire con loro. Quindi, creando un rendering 3D che le persone possono avere sul proprio telefono o computer rende l’archeologia più accessibile e significativa per uno spettatore”, ha osservato Stevens.

Nel 2003, l’organizzazione senza scopo di lucro CyArk ha dato il via all’applicazione delle tecnologie di registrazione 3D lavorando con partner locali in oltre 40 paesi. Uno di questi è stato la Nigeria, in cui hanno collaborato con la piattaforma online Google Arts and Culture e l’Adunni Olorisha Trust nel 2022 per lanciare la prima e più grande biblioteca digitale di contenuti che presenta la Riserva Sacra Osun Osogbo – un sito patrimonio mondiale dell’UNESCO e uno dei pochi luoghi sacri rimasti in Nigeria, di recente in pericolo di distruzione a causa di allagamenti, piogge abbondanti e cambiamenti climatici.

Un altro esempio chiave di come la tecnologia stia lavorando nello spazio culturale è il nuovo database altamente atteso che elenca le opere di oltre 5.000 Bronzi di Benin saccheggiati. Dopo il lancio nel novembre, The Art Newspaper ha dichiarato che il catalogo “ha accelerato il restauro degli antichi artefatti africani da istituzioni e collezioni in tutto il mondo”. Per gli studiosi in Nigeria che hanno lottato per ottenere accesso sia agli oggetti che al materiale d’archivio, il nuovo database è stato una prospettiva gradita.

Embed from Getty Images

Kokunre Agbontaen-Eghafona, professore di antropologia culturale all’Università di Benin ha detto alla pubblicazione: “Il saccheggio era come un libro strappato a pezzi e poi le pagine sono state messe in posti diversi. Raccoglierli tutti insieme in un unico posto è fantastico”.

Pubblicità

La realtà aumentata (AR) e altre tecnologie avanzate hanno aiutato il restauro e la digitalizzazione del patrimonio culturale tangibile, ma possono anche fungere da strumenti per le persone da utilizzare o per migliorare il proprio processo di lavoro.

Durante il suo tempo in Liberia, Stevens ha lavorato a stretto contatto con i locali per mostrare i suoi sforzi e vedere le loro reazioni in prima persona. “Ogni volta che faccio una dimostrazione [utilizzando una ricostruzione digitale di un artefatto fotoreale o la realtà virtuale (VR) per camminare verso una struttura storica] le persone rimangono immediatamente stupite dalla sensazione di realtà”, ha spiegato, aggiungendo, “non hanno necessariamente le parole o la visione per il potenziale, ma possono sentire che questo è qualcosa di potente.”

Embed from Getty Images

Nonostante tutto il lavoro di base in corso e gli sforzi del museo, la questione del contesto e del punto di vista continuerà a sorgere. Il dibattito in corso continua, con domande che circolano come chi dovrebbe controllare l’ambito? E chi giustifica ciò che è di significato storico? Sebbene la tecnologia digitale abbia il potere di trasformare le società, i dati mostrano che solo il 60% della popolazione mondiale ha accesso all’internet. Pertanto, gli archeologi stanno affrontando le domande più importanti dietro le porte chiuse: quanto è accessibile questo metodo per i nativi?

Non c’è dubbio che l’infrastruttura digitale rimanga ancora un ostacolo in alcune parti del mondo. Per gli archeologi come Stevens, tuttavia, la digitalizzazione può essere il salvatore in relazione alla documentazione della rapida scomparsa e deterioramento, soprattutto in Africa. Il ricercatore ha riassunto: “Non possiamo salvare tutto, ma onestamente, molti degli aspetti significativi del patrimonio sono dentro le persone. Ma essere in grado di prendere le cose da un posto particolare e metterle su internet aiuta a offrire una prospettiva. Penso che questa sia la forza del patrimonio, non necessariamente solo l’oggetto da solo”.

Pubblicità

Comments

Lascia un commento





Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0