in ,

Pelliccia fatta di peli del petto

Ecco una pelliccia fatta di peli del petto. Non è uno scherzo, ma una follia fashion inglese, forse una nuova moda.

La pelliccia interamente realizzata con peli umani del petto è costata 200 ore di lavoro, durante le quali milioni di piccoli peli del petto umano sono stati messi insieme per creare un capo fashion unisex.

Il marchio inglese Arla ha commissionato lo stravagante design di questa pelliccia fatta di peli del petto in occasione del lancio di una nuova bevanda a base di latte pensata per gli uomini Wig-Co.

Nonostante il modello che posa per questa particole pelliccia mostri un petto perfettamente liscio e privo di peli, il brand inglese, per il lancio della bevanda Wig-Co, vuole puntare i riflettori sulla mascolinità, spesso lontana dai canoni estetici dell’industria del fashion inglese.

Il prezzo della pelliccia di peli del petto è davvero da capogiro: ben 2.499 sterline, quasi 4.000 euro, un prezzo decisamente proibitivo se si pensa al materiale utilizzato per realizzarla!

pelliccia peli del petto uomo

Ad ogni modo, la stravagante idea del marchio inglese Arla probabilmente piacerà agli animalisti costantemente in lotta contro i produttori e le persone che indossano pellicce: sicuramente per creare questa nessuno ha sofferto, o quasi… la ceretta ai malcapitati “donatori” di peli deve essere stata quantomeno dolorosa!

I modelli della campagna Arla per lanciare una nuova bevanda a base di latte dedicata agli uomini Wig-co hanno un’aria molto sexy, e sofisticata, sembra quasi non si accorgano del capo che indossano, mentre molti di noi sarebbero davvero inorriditi all’idea di indossare una vera pelliccia fatta di peli del petto umano!

pelliccia peli del petto uomo




 Voi cosa fareste? Indossereste questa stranissima pelliccia dal prezzo esorbitante composta interamente da peli del petto umano? Fatecelo sapere con un commento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco la Camera della rabbia

Yolkr: ecco come separare il tuorlo dell’uovo dall’albume