La realtà supera la fantasia? Provare per credere. L'ultima novità, reale ma strana, si chiama discografo e cioè una macchina in grado di trasformare i disegni in musica. L’incredibile invenzione appartiene a tre designer...
in

Il discografo, la macchina che trasforma i disegni in musica

La realtà supera la fantasia? Provare per credere. L’ultima novità, reale ma strana, si chiama discografo e cioè una macchina in grado di trasformare i disegni in musica.

L’incredibile invenzione appartiene a tre designer francesi che hanno deciso di creare un’installazione artistica, realizzando un marchingegno davvero particolare: il discografo è in grado di convertire i segni impressi su un mezzo visibile in vere e proprie onde sonore.

È uno strumento – spiegano – che consente di creare sequenze musicali in maniera intuitiva e riprende l’idea del loop, radicata nella musica elettronica, grazie alla rotondità del disco”.

Il discografo che trasforma i disegni in musica
Il discografo che trasforma i disegni in musica

Il discografo è molto simile al famoso giradischi analogico, ma al posto della puntina di incisione presenta uno scanner ad alta velocità e invece dell’amato disco fonografico, ovvero il disco in vinile, ne ha uno su cui è possibile disegnare qualsiasi cosa.

Per questo motivo il discografo consente l’ascolto dei segni incisi sul disco bianco e trasforma così in musica i disegni. Si possono fare veramente tantissime cose. Ad oggi è già possibile trasformare la musica in disegni, creando quadri con le onde sonore… ora potremo fare anche il contrario!

Quadro con onde sonore




Quadro con onde sonore


Quadro con onde sonore
Quadro con onde sonore

Il discografo è un’invenzione davvero innovativa che presto potrebbe essere sul mercato: pronti ad ascoltare il flusso sonoro e creativo delle idee trascritte sulla buona vecchia carta? 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Papamobile Wojtyla

Papamobile Wojtyla in affitto per tour e feste private

Scambiate nella culla, si incontrano dopo 46 anni su Facebook