in

Chromecast – prova sul campo

 

Chromecast

Finalmente siamo riusciti a provare il Chromecast di Google visto che Amazon lo vende online


 anche se non dall’Italia direttamente ma tramite un partner del Sunderland.Il costo, attualmente è di 46€, decisamente più alto dei 35$ che con il cambio vantaggioso diminuirebbe ulteriormente.

La prima configurazione è abbastanza semplice. Il dispositivo diventa un piccolo access point a cui ci si può collegare tramite wifi per associarlo alla wifi che è indispensabile per il suo utilizzo ed è necessario anche alimentarlo tramite porta USB. Una volta collegato sarà visibili da tutti i dispositivi abilitati.

Per cosa possiamo usare il Chromecast:

1) Streaming di un tab di Chrome

Molto facilmente si può effettuare lo streaming del contenuto di un tab di Chome dopo aver installato l’apposita extension cliccando sull’iconcina che si può vedere nell’immagine.

Questo rende interessante il dispositivo per proiettare il contenuto di un sito web direttamente dal pc.

Esiste anche in versione beta la possibilità di mostrare l’intero desktop ma questa funzionalità richiede una certa elaborazione da parte del pc e non è quindi adatta a computer di precedenti generazioni.

google chromecast

2) Streaming tramite i canali dedicati

Sono diversi i canali che sono abilitati al chromecast anche se non tutte sono disponibili in italia:
Netflix, Hulu, HBO GO, Pandora, VEVO, Red Bull.TV, Songza, Plex, PostTV, Viki e RealPlayer Cloud

Per restare aggiornati potete far riferimento alla pagina dedicata da Google a questo prodotto.

3) App dedicate anche tramite cellulare

Sono diverse le app disponibili per effettuare streaming dallo smartphone, mondo iphone compreso.
Youtube e Google Play sono sicuramente le prime e più interessanti. Speriamo che presto altre possano unirsi a questo per ora ristretto gruppo di app.
La mancanza più grande è sicuramente Spotify che al momento non è compatibile nativamente ( a meno di condividere il tab del browser).

Considerazioni finali:

Sicuramente un bel prodotto, solido e facile da usare. Purtroppo non sfrutta appieno il suo potenziale “distruttivo” per il suo mercato di riferimento per il numero ancora troppo limitato di applicazioni compatibili.
Potrebbe essere veramente un gran prodotto se si potesse condividere facilmente foto e video dal cellulare e magari lo streaming da cellulare\tablet
Consigliato al momento solo a chi può trarne beneficio sfruttando una delle 3 strade indicate nell’articolo.

[box type=”info” ]
Hardware by Wikipedia

Chromecast è dotato di un chip con sistema Marvell 88DE3005. Questo circuito integrato include un hardware codifica VP8 ed il codec H.264. Le comunicazioni radio sono possibili grazie al Wi-Fi tipo AzureWave NH–387 che supporta 802.11b/g/n (2.4 GHz). Tale device ha 512 MB di Micron DDR3L RAM e 2 GB di memoria flash.[/box]

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il pesce blob, l’animale più brutto del mondo

Personaggi famosi e le loro irreali trasformazioni con photoshop