in , ,

Sam Altman il ceo di OpenAI parla di GPT-4

SAN FRANCISCO, CALIFORNIA - OCTOBER 03: OpenAI Co-Founder & CEO Sam Altman speaks onstage during TechCrunch Disrupt San Francisco 2019 at Moscone Convention Center on October 03, 2019 in San Francisco, California. (Photo by Steve Jennings/Getty Images for TechCrunch)

Il CEO di OpenAI, Sam Altman, ha commentato le voci riguardanti GPT-4, il modello di linguaggio ancora non rilasciato e ultimo della serie GPT che costituisce la base del chatbot AI ChatGPT, dicendo che “le persone implorano di essere deluse e lo saranno”.

Durante un’intervista con StrictlyVC, Altman è stato chiesto se GPT-4 uscirà nel primo trimestre o nella prima metà dell’anno, come molti si aspettano. Ha risposto offrendo una tempistica incerta.

“Uscirà in qualche momento, quando saremo sicuri di poterlo fare in modo sicuro e responsabile”, ha detto. GPT-3 è uscito nel 2020 e una versione migliorata, GPT 3.5, è stata utilizzata per creare ChatGPT.

Embed from Getty Images

Il lancio di GPT-4 è molto atteso, con alcuni membri più entusiasti della comunità AI e del mondo di Silicon Valley che lo dichiarano già un grande passo in avanti. Fare previsioni selvagge sulle capacità di GPT-4 è diventato un meme in questi ambienti, in particolare quando si tratta di indovinare il numero di parametri del modello (una metrica che corrisponde alla complessità di un sistema AI e, approssimativamente, alla sua capacità, ma non in modo lineare).

Pubblicità

Quando gli è stato chiesto di commentare un grafico virale (e non corretto) che supponeva di confrontare il numero di parametri in GPT-3 (175 miliardi) con GPT-4 (100 trilioni), Altman lo ha definito “completa stronzata”.

“Il mulino delle voci su GPT-4 è una cosa ridicola. Non so da dove venga”, ha detto il CEO di OpenAI.

“Le persone implorano di essere deluse e lo saranno. L’hype è proprio come… non abbiamo un’IA generale vera e proprio e questo è quello che ci si aspetta da noi.” (AGI qui si riferisce a “intelligenza artificiale generale”, una forma abbreviata per un sistema AI con almeno capacità equivalenti a quelle umane in molteplici domini).

Nell’intervista, Altman ha affrontato una serie di argomenti, tra cui quando OpenAI costruirà un modello AI in grado di generare video (Meta e Google hanno già dimostrato la ricerca in questo campo). “Arriverà. Non vorrei fare una previsione sicura su quando”, ha detto Altman sull’IA generativa video. “Ci proveremo, altre persone ci proveranno… è un progetto di ricerca legittimo. Potrebbe essere abbastanza presto; potrebbe volerci un po'”. L’intervista completa può essere vista in due parti, qui e qui (con la seconda parte che si concentra di più su OpenAI come azienda e sull’IA in generale), ma abbiamo selezionato alcune delle dichiarazioni più significative di Altman di seguito:

Pubblicità

Sul denaro che OpenAI sta attualmente guadagnando: “Non molto. Siamo ancora molto all’inizio”.

Sulla necessità di IA con diversi punti di vista: “Il mondo può dire: ‘Okay, ecco le regole, ecco le regole molto ampie e assolute di un sistema’. Ma all’interno di questo, le persone dovrebbero essere libere di fare cose molto diverse che vogliono che la loro IA faccia.

Se vuoi un modello super mai offensivo, sicuro per il lavoro, dovresti ottenerlo, e se vuoi uno più audace che sia creativo e esplorativo ma dica alcune cose che potresti non essere a tuo agio, o alcune persone potrebbero non essere a proprio agio, dovresti ottenerlo.

E penso che ci saranno molti sistemi nel mondo che avranno impostazioni diverse dei valori che fanno rispettare. E in realtà, penso che – ma questo ci vorrà più tempo – tu, come utente, dovresti essere in grado di scrivere alcune pagine di ‘ecco cosa voglio; ecco i miei valori; ecco come voglio che l’IA si comporti’ e leggendole e pensandoci su e agendo esattamente come vuoi perché dovrebbe essere la tua IA”.

Pubblicità

(Questo punto è notevole data la continua conversazione sull’IA e il bias. I sistemi come ChatGPT tendono a ripetere molti bias sociali, come il sessismo e il razzismo, che internalizzano in base ai loro dati di addestramento.

Le società come OpenAI cercano di mitigare i bias fermando i sistemi dal ripetere queste idee. In altre parole, Altman ha espresso il desiderio di creare un’IA che soddisfi le esigenze dell’utente, permettendo di impostare i propri valori e preferenze, in modo da evitare bias e problemi di sicurezza.

Ha inoltre menzionato che OpenAI non è ancora in grado di generare video e che ci vorrà del tempo prima che ciò accada. Ha anche negato le voci e le speculazioni su GPT-4, sottolineando che l’azienda rilascerà il modello solo quando sarà sicura di farlo in modo responsabile.

Sulla trasformazione dell’IA nell’educazione e la minaccia della plagio dell’IA:

Pubblicità

“Cercheremo di fare alcune cose a breve termine. Potrebbero esserci modi per aiutare gli insegnanti a rilevare meglio l’output di un sistema simile a GPT, ma una persona determinata riuscirà a aggirarli, e non credo che sia qualcosa su cui la società possa o debba contare a lungo termine. Siamo in un nuovo mondo ora. Il testo generato è qualcosa a cui dobbiamo adattarci, e va bene. Ci siamo adattati alle calcolatrici e abbiamo cambiato ciò che abbiamo testato in matematica, immagino. Questa è una versione più estrema di quella, senza dubbio. Ma anche i benefici sono più estremi. ”

Sul suo utilizzo di ChatGPT: “Preferirei molto di più che ChatGPT mi insegnasse qualcosa piuttosto che leggere un libro di testo.”

Sul quanto siamo lontani dallo sviluppo dell’IA generale: “Più ci avviciniamo, più difficile è per me rispondere. Perché credo che sarà molto più confuso e una transizione molto più graduale di quanto la gente pensi.”

Sulle previsioni che ChatGPT ucciderà Google: “Penso che ogni volta che qualcuno parla di una tecnologia che segna la fine di un’altra grande azienda, di solito si sbaglia. Penso che la gente dimentichi che possono contrattaccare, e sono abbastanza intelligenti e competenti. Credo che ci sarà un cambiamento per la ricerca che probabilmente arriverà in un momento dato – ma non così drammaticamente come la gente pensa a breve termine.”

Pubblicità

Comments

Lascia un commento





Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0